"Immacolata Brasileira"


"IMMACOLATA BRASILEIRA" con Gil Badaró live!

Giovedì 8 Dicembre Dalle 17.00

A seguire FunkyBrasil Dj Set by Phenomena
Joia, saudade e sentimento ** RIPA NA XULIPA RIPA!

Drink + Buffet(arroz, feijao, salada e farofa) € 8.00

Drink + Buffet + Churrasco(grigliata mista di carne con Picanha, Coračao de gallinha, salsiccia) € 30.00

Caipirinha & Cachaça Premium
........................................................................................................................................................................................
Gil Badaró
Primi concerti e il primo disco in Brasile.
Gil Badaró nasce nel sud del Brasile, a Porto Alegre, capitale dello stato di Rio Grande do Sul. La carriera artistica ha inizio nei primi anni Settanta proprio nella sua città, dove ha modo di esibirsi nei maggiori locali, interpretando i classici della canzone carioca.

Chitarrista e cantante, cantautore, artista unico e inimitabile.
Mattatore, travolgente sul palcoscenico, provocatore, comunicatore.
Lui le mode passeggere le lascia agli altri: preferisce imbracciare la sua chitarra e raccontare la musica del suo paese, proponendo non solo le hit, ma soprattutto quei brani che rappresentano il vero sapore della cultura che gli appartiene. Il suo ritmo incalzante - ogni concerto è 100% live - scatena giovani e meno giovani e il coinvolgimento è totale.


SOUNDCLOUD
https://soundcloud.com/gilbadaro/horizonte

SITE
http://gilbadaro.com/

FACEBOOK
https://www.facebook.com/gilbadaro

«Lui le mode passeggere le lascia agli altri: preferisce imbracciare la sua chitarra e fare la musica che ama di più»
La Repubblica
•••
«Spazia dal funky al soul, al reggae. In Italia Gil è stato già applaudito insieme a musicisti come Tony Esposito, Edoardo Bennato, Pino Daniele»
Il Messaggero
•••
«La serata è stata come al solito allettata dal ritmo brasiliano di quell’autentico mattatore che si è rivelato Gil Badaró»
Il Mattino
•••
«La chitarra più veloce del sudamerica. La voce nuova del Brasile si chiama Gil Badaró. Il suo ritmo travolge e scatena giovani e meno giovani in una progressione pericolosa per le coronarie»
La Nazione
•••